Acquisto prima casa, il programma “Una famiglia, una casa” rimpiazza il programma “Prima casa”

Secondo un disegno di legge che recentemente ha ricevuto il voto decisivo dei deputati il programma “Prima casa” sarà a breve sostituito da un nuovo programma che sostanzialmente ridurrà i costi di finanziamento per coloro che vogliono acquistare o costruire una nuova casa.

Inoltre il nuovo programma denominato “Una famiglia, una casa” stabilisce, tra l’altro, un limite massimo dei redditi realizzati da parte dei richiedenti, limite che al momento non esiste.

Difatti, a differenza del programma “Prima Casa”, il nuovo programma di finanziamento impone un limite massimo ai redditi per coloro che intendono ottenere un mutuo garantito dallo Stato per l’acquisto di una casa; in particolare, i soggetti interessati ad ottenere un prestito statale dovranno avere un reddito netto mensile non superiore ai 4.500 lei, mentre per le famiglie, con uno o più figli, ai fini del finanziamento, il reddito percepito non dovrà oltrepassare i 7.000 lei.

Una sostanziale differenza tra i due programmi è costituita dal fatto che, a differenza del programma “Prima Casa”, nel nuovo programma di finanziamento delle abitazioni “Una famiglia, una casa” possono essere concesse agevolazioni per determinate categorie di persone; così le famiglie con 1 figlio a carico potranno beneficiare della riduzione dello 0,5% del tasso di interesse del prestito erogato dallo Stato, mentre le famiglie con 2 o più figli avranno una riduzione del tasso di interesse pari all’1%.

La possibilità di rifinanziamento è un’altra significativa novità introdotta dal programma “Una famiglia, una casa”. Nello specifico i crediti che saranno ottenuti attraverso il nuovo programma potranno essere rifinanziati, così come espressamente previsto nel progetto di legge: “da altri strumenti finanziari, ad eccezione di altri crediti concessi nell’ambito del programma”.

Per converso, in base alle informazioni pubblicate sul relativo portale web da parte del Fondo Nazionale per la Garanzia dei Crediti per le piccole e medie imprese, l’attuale normativa concernente il programma “Prima Casa” non prevede alcuna possibilità di rifinanziare un prestito ottenuto con la garanzia statale.

Per quanto riguarda il prezzo massimo delle case che possono essere acquistate attraverso il nuovo programma, questo non differisce dall’attuale programma della prima casa rimanendo invariato l’importo di 70.000 euro.

Sono altresì mantenuti allo stesso livello i valori concernenti il massimo del finanziamento garantito (66.500 euro) nonché l’anticipo minimo richiesto il quale dovrà essere di almeno il 5% del prezzo di acquisto dell’immobile oppure del valore del costo di costruzione di una casa.

Similitudini e differenze tra i due programmi di finanziamento possono essere sintetizzati nella tabella di seguito riportata:

 

Programma

Prima Casa

Programma

Una famiglia, una casa

Limite reddito percepito Nessun limite 4.500 lei / persona;

7.000 lei / famiglia con 1 o più figli

Costo massimo abitazione 70.000 de euro 70.000 de euro
Importo massimo del finanziamento 66.500 de euro 66.500 de euro
Riduzione tasso interesse  NO SI, per le famiglie con figli
Rifinanziamento  NO SI

Inizialmente le modifiche al programma della “Prima Casa” erano previste nell’ambito di un decreto del Governo, ma il ministro delle finanze, Eugen Teodorovici, ha ritenuto che le misure relative al nuovo programma di finanziamento per l’acquisizione delle abitazioni avessero avuto maggiori probabilità di essere applicate se fossero state  approvate tramite un disegno di legge in Parlamento.

Ovviamente affinché le misure di cui sopra possano entrare in vigore è necessario che il disegno di legge in questione venga approvato anche dall’altro ramo del Parlamento, vale a dire il Senato, dovrà poi essere promulgato dal Capo dello Stato ed infine pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Romania.

 

Avv. Salvatore Romano, Studio Legale Sitran