Agricoltura, finanziamenti a fondo perduto fino a 50.000 euro

Per lo svolgimento di un attività agricola i giovani imprenditori agricoli potranno richiedere, a determinate condizioni, un finanziamento a fondo perduto per un importo di 40.000 o 50.000 euro.

A tal proposito l’Agenzia per il Finanziamento degli Investimenti Rurali (AFIR) ha recentemente pubblicato il bando per la presentazione dei progetti in materia agricola, prevedendo il periodo che va dal 1° agosto al 31 dicembre 2018 come termine per la presentazione delle richieste di finanziamento.

La Guida del richiedente definisce come giovani agricoltori le persone fisiche che non hanno compiuto i 41 anni di età al momento della presentazione della domanda e, allo stesso tempo, stabilisce le fasi per la creazione di un impresa agricola nonchè la procedura per l’ottenimento dei finanziamenti a fondo perduto.

Per poter accedere al finanziamento a fondo perduto di 50.000 euro i giovani agricoltori dovranno seguire e rispettare un percorso che si snoda in diverse fasi.

La procedura per la costituzione di un impresa gestita da un giovane agricoltore deve iniziare prima della presentazione della domanda per l’ottenimento del finanziamento e si conclude solo quando il giovane agricoltore è diventato un agricoltore attivo. Pertanto, al momento della presentazione della domanda il processo di costituzione dell’impresa del giovane agricoltore deve essere già stato avviato.

La costituzione di un impresa di un giovane agricoltore si snoda nelle seguenti fasi:

  1. Registrazione dell’impresa del giovane agricoltore presso l’Ufficio del Registro del Commercio (ORC).

La registrazione dell’impresa del giovane agricoltore presso il competente Registro del Commercio deve essere effettuata prima dell’effettiva redazione del progetto e della presentazione della richiesta di finanziamento. Il giovane agricoltore può scegliere una delle seguenti forme:

– Persona Fisica Autorizzata (P.F.A.);

– titolare di un impresa individuale (II) o di un impresa familiare (IF);

– socio unico e amministratore di una società a responsabilità limitata (S.r.l.);

– socio di maggioranza e amministratore di una società a responsabilità limitata (S.r.l);

L’attività agricola (codice CAEN di attività – agricoltura) deve essere stata avviata per un periodo non superiore ai due anni dalla data in cui il progetto viene presentato.

  1. Svolgimento dell’attività

Una volta che l’impresa è stata registrata presso il Registro del Commercio il giovane agricoltore deve iniziare le specifiche attività concernenti:

  • l’acquisizione di macchinari e attrezzature;
  • l’insediamento delle colture agricole;
  • la creazione di posti di lavoro;
  • la commercializzazione di prodotti agricoli.

Inoltre, queste attività devono rientrare negli stessi parametri di cui sopra vale a dire non devono essere svolte da oltre 24 mesi dalla data di registrazione dell’attività agricola e dalla presentazione del progetto. Il giovane agricoltore deve registrare l’attività agricola presso il registro agricolo del comune, negli archivi della Direzione Sanitaria, Veterinaria e della Sicurezza Alimentare e presso l’Agenzia per i Pagamenti e gli Interventi in Agricoltura (APIA).

  1. Redazione del progetto

La redazione del progetto e degli altri documenti necessari deve avvenire entro lo stesso termine dei 24 mesi sopra menzionato. La richiesta per il finanziamento, il piano aziendale e gli altri documenti potranno essere completati in formato elettronico tramite l’accesso al portale web www.afir.info.

  1. Implementazione del piano di attività

Al momento della sottoscrizione del contratto di finanziamento il giovane agricoltore riceverà la prima rata del finanziamento a fondo perduto. L’attuazione del piano di attività deve avvenire entro i nove mesi dalla data della concessione della sovvenzione. Prima di richiedere la seconda rata il beneficiario deve dimostrare di aver aumentato la performance economica dell’azienda vendendo prodotti per almeno il 20% dell’importo della prima rata percepita.

  1. Versamento della seconda rata

La seconda rata verrà corrisposta solo se il piano aziendale è stato correttamente attuato. In caso contrario la seconda rata non verrà erogata ed il concedente richiederà la restituzione della prima rata.

  1. Costituzione del giovane agricoltore

La procedura per la costituzione del giovane agricoltore è considerata completata al momento della corretta implementazione del business plan, ovverosia con l’erogazione della seconda rata.

  1. Il beneficiario deve diventare un agricoltore attivo

L’esistenza del requisito di “agricoltore attivo” costituisce una condizione necessaria ed imprescindibile per l’ottenimento dei contributi. Secondo la guida del richiedente il giovane agricoltore si impegna a diventare un agricoltore attivo entro 18 mesi dalla data di completamento della costituzione dell’impresa.

Finanziamento a fondo perduto per 50.000 euro

I giovani agricoltori che creano un’attività agricola potranno ricevere un finanziamento a fondo perduto di 40.000 o 50.000 euro, a seconda delle dimensioni della società. Complessivamente i fondi stanziati ammontano a 11 milioni di euro, il che significa che a seconda delle richieste depositate saranno finanziati un numero minimo 220 ed un massimo di 275 progetti.

Il finanziamento è concesso sotto forma di una somma forfettaria ed i beneficiari riceveranno i contributi in due rate:

  • la prima rata, pari al 75% dell’importo totale, sarà erogata al momento della sottoscrizione della richiesta di finanziamento;

la seconda rata, pari al 25% dell’importo totale, verrà concessa dopo la realizzazione del progetto, ma non oltre tre anni dopo la sottoscrizione della richiesta di sovvenzione (o cinque anni se il progetto è implementato nel settore ortofrutticolo).

 

Avv. Salvatore Romano, Studio Legale Sitran