Assegni per minori, a breve verranno raddoppiati

L’importo degli assegni erogati dallo Stato romeno per la crescita ed il mantenimento dei minori sarà raddoppiato prima della data stabilita dal Governo, il quale all’inizio di quest’anno aveva deciso di rinviare, a partire dal mese di agosto, il relativo aumento.  Difatti il Parlamento ha abolito la misura adottata dall’Esecutivo attraverso un disegno di legge che prima, ai fini della promulgazione, verrà inviato al Capo dello Stato e poi, per poter entrare in vigore, verrà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Romania.

In particolare, dopo essere stato inizialmente bocciato dai senatori lo scorso 3 giugno anche la Camera dei Deputati ha respinto il decreto n. 2/2020 dell’Esecutivo il quale prevedeva il rinvio dell’incremento dell’importo degli assegni familiari per i minori.

In base alla procedura legislativa attualmente in vigore in Romania qualsiasi decreto emesso dall’Esecutivo, per poter essere applicato, deve essere successivamente approvato dal Parlamento; tuttavia i parlamentari hanno anche la possibilità di respingere i decreti presentati dal Governo, come è accaduto ora per il caso del rinvio dell’aumento degli assegni da corrispondere ai minori.

Il decreto del Governo n. 2/2020 aveva di fatto posticipato di sei mesi, vale a dire dal mese di febbraio al mese di agosto 2020, il previsto aumento degli assegni familiari stabilito dalla legge n. 14/2020.

Con l’incremento l’assegno per i figli passerà dagli attuali 150 lei mensili a 300 lei, mentre per i bambini che non hanno ancora compiuto i 2 anni, l’assegno passerà dagli attuali 300 lei mensili a 600 lei.

Con l’approvazione del disegno di legge in questione il rinvio dell’incremento degli assegni familiari verrà annullato; tuttavia, al momento, non è chiaro se il governo dovrà pagare i previsti aumenti delle quote a partire dallo scorso mese di febbraio 2020 (vale a dire retroattivamente) o dal mese in cui il decreto del governo avente ad oggetto il differimento sarà effettivamente abrogato.

La proroga dell’aumento degli assegni per i minori non è l’unico provvedimento riguardante gli assegni familiari. A tal proposito giova ricordare che alla fine dello scorso anno è stata approvata la legge n. 214/2019 la quale prevede che, a partire dal 1° gennaio 2020, gli assegni familiari sarebbero dovuti aumentare annualmente con un indice di incremento pari al 100% in riferimento al tasso di inflazione annuale medio; il che significa che attualmente i minori ricevono più soldi rispetto alla fine dell’anno scorso, sebbene l’aumento dovuto al tasso di crescita dell’inflazione è stato modesto.

In Romania l’assegno statale per il mantenimento dei figli viene concesso ogni mese a tutti i minori, senza alcuna discriminazione e come forma di tutela dell’infanzia. L’assegno viene corrisposto ai minori fino al raggiungimento dei 18 anni, ma se a questa età i giovani frequentano i corsi di scuola superiore o di istruzione professionale, continueranno a percepire l’assegno fino alla conclusione dei rispettivi corsi.

 

Avv. Salvatore Romano, Studio Legale Sitran