COVID-19, aiuti economici per gli affittuari in difficoltà

Considerata l’attuale situazione di emergenza il Senato sta predisponendo un progetto di legge per fornire un sostegno economico alle persone a basso reddito per aiutarli a pagare l’affitto; si tratta di una delle tante misure proposte o addirittura già adottate durante questo periodo dal Parlamento o dal Governo romeno per limitare gli effetti negativi del coronavirus.

In particolare, in base al disegno di legge in questione, le singole persone o i nuclei familiari che hanno un reddito netto non superiore a 500 lei potranno beneficiare di un aiuto finanziario per il pagamento del canone di locazione.

Questo aiuto, il cui importo potrà arrivare fino a 750 lei al mese, a seconda dell’ammontare dell’affitto, verrà concesso sia per il periodo di emergenza (che, secondo il Capo dello Stato, non dovrebbe essere prorogato dopo il 15 maggio), sia per i tre mesi successivi (se ovviamente verranno soddisfatte per ciascun mese le previste condizioni).

Difatti oltre al presupposto del reddito (non superiore a 500 lei mensili) per poter ottenere codesto contributo i richiedenti dovranno possedere anche una serie di requisiti:

  • aver stipulato un regolare contratto di locazione, il quale sia stato concluso prima della definizione dello stato di emergenza e che sia in vigore al momento della richiesta dell’aiuto di cui sopra;
  • non detenere in proprietà alcuna casa / appartamento / unità immobiliare;
  • non aver beneficiato di altre forme di assistenza ai fini abitativi, ne da parte dello Stato ne da parte del datore di lavoro.

Un aspetto che dovrebbe essere chiarito riguarda la definizione giuridico / legale delle misure concernenti il differimento del pagamento dell’affitto, vale a dire se queste devono essere equiparate o meno agli aiuti finanziari; teoricamente le proroghe non rappresentano somme di denaro concesse per aiutare qualcuno con il pagamento dell’affitto, anche se tuttavia costituiscono una misura che priva, sia pure temporaneamente, il proprietario dell’importo di denaro a cui avrebbe normalmente avuto diritto. In altre parole è l’inquilino ad avere un vantaggio, sia pure temporale, con la proroga della scadenza del termine di pagamento.

La questione non è soltanto teorica ma potrebbe essere sollevata in futuro se dovessero essere adottati sia il disegno di legge attualmente giacente al Senato e sia un altro progetto ancora in discussione in quanto entrambi mirano a concedere ai soggetti a basso reddito ed in stato difficoltà la possibilità di ottenere il differimento del pagamento dell’affitto a causa degli effetti del coronavirus e dell’istituzione dello stato di emergenza.

Comunque sia l’aiuto economico per il pagamento del canone di locazione sarà accessibile solo se il progetto di legge in esame verrà approvato da entrambe le Camere del Parlamento, promulgato dal Capo dello Stato e, infine, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Romania; dovranno inoltre essere adottate le necessarie norme metodologiche.

 

Avv. Salvatore Romano, Studio legale Sitran