Greco: Preoccupazioni per riforma giustizia in Romania

Le riforme sul funzionamento della giustizia già attuate e quelle relative al codice e procedura penale in discussione in Romania sollevano forti critiche e preoccupazioni in seno al Consiglio d’Europa, che le ritiene un serio rischio per una lotta efficace alla corruzione.

La valutazione negativa è contenuta nel rapporto di Greco, l’organo anti corruzione del Consiglio d’Europa. Nel documento, atto finale di una procedura d’urgenza avviata “sulla base di possibili serie violazioni degli standard anti corruzione”, Greco raccomanda alle autorità rumene di non approvare gli emendamenti al codice penale e di procedura penale che il Parlamento sta esaminando e di fare retromarcia su quelli già approvati sul sistema giudiziario. Perché “sarebbero in chiara contraddizione con gli obblighi assunti dal Paese” in materia di anti corruzione.

L’organo di Strasburgo chiede di non ridurre drasticamente il numero di magistrati e di non minare l’indipendenza della magistratura. Infine Greco chiede di “non creare la nuova sezione speciale della procura per le indagini sui reati della magistratura” e di rivedere completamente i criteri che regolano l’assunzione e il licenziamento dei più alti gradi della procura, e in particolare del responsabile dell’ente nazionale per l’anti corruzione.(ANSA)