Nuove misure fiscali: contributi sociali al 35% e imposta sull’utile al 10%

Secondo quanto dichiarato all’agenzia di stampa internazionale Reuters dal presidente della Camera dei Deputati, Liviu Dragnea, i costi che i datori di lavoro dovranno sostenere per il versamento dei contributi sociali obbligatori e per l’imposta sull’utile delle società saranno nuovamente ridotti; queste nuove misure preparate dal Governo romeno entreranno in vigore entro il 2020.

In particolare, entro il 2020 l’aliquota complessiva dei contributi sociali dovuti dai datori di lavoro dovrebbe essere ridotta passando dal 37,25% al 35%, ha dichiarato Liviu Dragnea in un’intervista all’agenzia di stampa Reuters.

Allo stesso tempo il presidente della Camera dei Deputati ha precisato che nei prossimi due anni l’imposta sugli utili passerà dal 16%, aliquota attualmente in vigore, al 10%. “Il governo sta lavorando a misure di sostegno del mercato finanziario a partire dal prossimo anno, tra cui l’esenzione dalle imposte sul reddito per gli operatori del mercato dei capitali e per i broker“, riporta l’agenzia di stampa Reuters.

Inoltre, sempre entro il 2020, il Governo ridurrà l’aliquota dell’IVA dal 19% al 18%, sottoliena Dragnea. “La necessità di allentare la pressione fiscale sia per il settore privato che per i pubblici dipendenti è molto sentita ed in questa direzione diminuiremo sia il numero delle tasse che relative aliquote“, ha dichiarato il presidente della Camera dei Deputati.

Secondo quanto riferito da Dragnea al fine di aumentare le entrate del bilancio Statale le autorità governative si concentreranno sugli investimenti, promuovendo il sistema delle agevolazioni fiscali, attirando fondi europei ed avviando partenariati pubblico-privato.

Se la riduzione dell’aliquota dell’IVA al 18% è inclusa nel programma dell’Esecutivo guidato da Viorica Dancila la diminuzione dei contributi sociali al 35% era già stata richiesta nel 2017, mentre le altre misure fino ad oggi non erano ancora state annunciate.

Attualmente la percentuale complessiva dei contributi sociali dovuti è pari al 37,25%, ed è costituita dai versamenti ai fini pensionistici  (25%), dalla previdenza sociale e sanitaria (10%) e dal contributo per la disoccupazione (2,25%). L’ultima riduzione dei contributi sociali è avvenuta lo scorso 1° gennaio 2018.

La diminuzione dell’imposta sul profitto al 10% comporta la fissazione dell’aliquota fiscale identica a quella dell’imposta sul reddito, anch’essa ridotta dal 16% al 10% il primo giorno del 2018.

Per quanto riguarda l’aliquota dell’IVA questa è diminuita all’inizio del 2016 passando dal 24% al 20% e poi, all’inizio del 2017, dal 20% al 19%.

Le misure fiscali annunciate da Liviu Dragnea non sono attualmente applicabili; per entrare in vigore dovranno essere approvate da entrambe le Camere del Parlamento, promulgate dal Capo dello Stato e, infine, pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale della Romania.

 

Avv Salvatore Romano, Studio Legale Sitran