Obbligo di dichiarare i beneficiari reali, adesso è legge!

È stata recentemente introdotta anche in Romania la normativa che impone l’obbligo a tutte le società attive sul territorio romeno di dichiarare i beneficiari reali. Il nuovo obbligo è incluso nell’ambito del completamento e dell’integrazione della legislazione relativa alla prevenzione del riciclaggio di denaro e alla lotta al finanziamento del terrorismo. Questi di seguito riportati i punti essenziali della nuova regolamentazione.

 

  1. Registri dei beneficiari reali

Il quadro legislativo concernente la materia della prevenzione del riciclaggio di denaro sporco è stato modificato la scorsa estate con l’introduzione della legge n. 129/2019. In tale contesto è stato previsto l’obbligo di indicare i beneficiari reali non solo per le società, ma anche per le ONG e le società fiduciarie. Fondamentalmente queste entità dovranno fornire alle competenti autorità le informazioni sui beneficiari reali. In questo contesto è stata prevista l’istituzione di 3 appositi registri: il  primo, concernente le persone giuridiche, tenuto presso il Registro del Commercio, il secondo riguardante le associazioni e le fondazioni istituto presso il Ministero della Giustizia e, infine, l’ultimo per le società fiduciarie presso l’ANAF (Agenzia Nazionale per l’Amministrazione Fiscale). Questi 3 registri dovrebbero essere istituti entro il prossimo autunno.

 

  1. Modulo per la dichiarazione dei beneficiari reali

Alla fine del mese di settembre il Registro del Commercio ha già rilasciato i modelli per la dichiarazione relativa ai beneficiari reali che le società dovranno utilizzare per adempiere l’obbligo recentemente imposto. I formulari dovranno essere completati e trasmessi alle autorità entro e non oltre 12 mesi dall’entrata in vigore della Legge n. 129/2019, vale a dire entro la data del 21 luglio 2020. In caso di non ottemperanza a questa disposizione le società rischiano l’irrogazione di una multa compresa tra i 5.000 ed 10.000 lei. Il termine sopra indicato è valido per le società che erano già state costituite entro la data del 21 luglio 2019.

 

  1. Costituzione di nuove società subordinata all’indicazione dei beneficiari reali

Il termine della metà della prossima estate (21.07.2019) è stato quindi introdotto per le società esistenti alla data in cui è entrata in vigore la nuova legge sulla prevenzione del riciclaggio di denaro; le società commerciali di nuova costituzione, invece, hanno obbligo di presentare la dichiarazione relativa ai beneficiari reali fin dal momento della domanda di iscrizione presso il Registro del Commercio; in caso contrario la richiesta di immatricolazione verrà respinta.

 

Avv. Salvatore Romano, Studio Legale Sitran