Organizzazione ANAF, ritorno al passato

In base ad un progetto di legge adottato con voto decisivo dalla Camera dei Deputati, l’Agenzia Nazionale per l’Amministrazione Fiscale (ANAF) a breve sarà nuovamente riorganizzata. In buona sostanza si intende rinunciare all’organizzazione su base regionale e ritornare all’organizzazione distrettuale; allo stesso tempo con il medesimo disegno di legge è stato deciso che la Direzione Generale delle Dogane non dipenderà più dall’ANAF bensì dal Ministero delle Finanze Pubbliche (MFP)

 

Si tratta di una bozza di legge approvata lo scorso 27 febbraio dalla Camera dei Deputati la quale era già stata adottata dal Senato nel mese di novembre del 2018. Per entrare in vigore ed essere applicata la proposta legislativa in questione dovrà essere firmata con decreto del Capo dello Stato della Romania e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale.

 

In pratica, l’attuale organizzazione dell’ANAF su base regionale sarà abbandonata e verrà nuovamente introdotta la forma organizzativa su base distrettuale. In tal senso il primo passo del cambiamento sarà lo smantellamento delle attuali direzioni generali regionali delle finanze pubbliche ed il ripristino delle direzioni distrettuali delle finanze pubbliche. In pratica questo sarà un ritorno alla situazione che si è avuta fino alla prima parte del 2013.

 

Alle dipendenze dell’Agenzia verranno istituite – a livello distrettuale e presso il comune di Bucarest – i dipartimenti delle finanze pubbliche, con sede rispettivamente nei comuni dei distretti ovvero a Bucarest. Le otto direzioni generali regionali delle finanze pubbliche saranno trasformate in dipartimenti distrettuali delle finanze pubbliche, enti pubblici dotati di personalità giuridica”, riporta testualmente il progetto di legge in esame.

 

Allo stesso tempo i legislatori hanno stabilito che una seconda novità riguarderà la Direzione Generale delle Dogane la quale verrà posta direttamente alle dipendenze del Ministero delle Finanze Pubbliche, mentre attualmente è alle dipendenze dell’ANAF. In concreto questa nuova direzione assumerà le competenze, le attività, i posti ed il personale delle seguenti strutture del Fisco:

  • Direzione Generale della Dogana nell’ambito dell’ANAF;
  • Direzioni regionali doganali;
  • Uffici doganali interni e di frontiera nell’ambito delle direzioni generali regionali delle finanze pubbliche.

 

La riorganizzazioni dell’ANAF coinvolgerà il personale attualmente in dotazione e nel limite massimo della disponibilità dei posti in organico.

 

Nella prima metà del 2013, l’ANAF fu riorganizzata e rilevò l’attività dell’Agenzia Nazionale della Dogana e della Guardia di Finanza. Allo stesso tempo fu istituita la Direzione Generale della lotta antifrode la quale venne trasferita dalle distrettuali direzioni generali delle finanze pubbliche alle direzioni regionali generali delle finanze pubbliche.

 

Nel 2013 la riorganizzazione fu essenzialmente effettuata allo scopo di semplificare l’attuazione di un progetto di modernizzazione della governance fiscale realizzato con i fondi della Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo.

 

Avv. Salvatore Romano, Studio Legale SITRAN