Pensionati, niente imposte per chi offre alloggi agli studenti

Un disegno di legge recentemente presentato in Parlamento potrebbe esonerare dal pagamento dell’imposta dai redditi da locazione i pensionati che affittano la propria abitazione a studenti, allievi o a soggetti fuoriusciti dal sistema di protezione sociale. Secondo i promotori il progetto di legge in esame mira a combattere il fenomeno dell’isolamento che le persone anziane affrontano soprattutto dopo che si ritirano dal mercato del lavoro.

Il progetto di legge in questione, al momento in discussione al Senato, prevede l’esenzione dall’imposizione fiscale dei redditi da locazione per i pensionati che offrono in affitto un alloggio a determinate persone e rispettando talune condizioni; per entrare in vigore, dovrà prima essere approvato anche dall’altro ramo del Parlamento (ovverosia dalla Camera dei Deputati), dopo promulgato dal Capo dello Stato e, infine, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Romania.

Le categorie di pensionati che, nell’attuale sistema pensionistico pubblico, potrebbero beneficiare dell’esenzione dall’imposta sul reddito da locazione sono i soggetti in pensione per limiti di età, in prepensionamento o in stato di pensionamento parziale.

Per poter usufruire di queste agevolazioni finanziarie i pensionati dovrebbero affittare la propria abitazione alle seguenti categorie di persone:

  • studenti del sistema di istruzione scolastico obbligatorio, pubblico, privato e religioso;
  • studenti di età inferiore ai 26 anni che regolarmente frequentano gli istituti di istruzione statale o privata;
  • i soggetti che escono dal sistema di protezione speciale dello Stato.

Il progetto di legge in questione prevede l’esonero dal versamento dell’imposta da locazione in proporzione alla superficie dell’immobile affittata che risulta dal contratto di locazione; l’esenzione fiscale potrebbe produrre i propri effetti a partire dal 1° giorno del mese successivo al mese in cui il contribuente presenta i documenti giustificativi.

 Il mancato rispetto delle condizioni previste dal progetto di legge sull’esenzione fiscale per i pensionati che affittano la propria casa agli studenti configura la fattispecie del reato di evasione fiscale. I redditi da locazione devono essere comunicati al Fisco mediante la dichiarazione unica per le persone fisiche; in base alle vigente normativa vengono tassati con un’aliquota del 10%.

Secondo la motivazione addotta dai fautori del disegno di legge l’invecchiamento e l’isolamento sono fenomeni che colpiscono indistintamente la popolazione a livello globale. Pertanto, l’esenzione dall’imposta sul reddito dei pensionati che affittano la propria abitazione potrebbe essere un modo, da un lato, per contrastare il fenomeno della solitudine sociale in cui spesso versano gli anziani e, dall’altro, agevolare gli studenti con scarse possibilità materiali e finanziarie offrendo loro l’opportunità di studiare nelle scuole superiori e nelle università delle grandi città.

 

Avv Salvatore Romano, Studio Legale Sitran