Polizia in casa anche con l’uso della forza, questi i casi previsti dalla legge

In base a quanto previsto dalla vigente legislazione in determinate situazioni gli agenti di polizia possono entrare nelle abitazioni private, in particolare nei casi in cui sia stato commesso un delitto, per la ricerca di criminali o per sventare un’azione terroristica. Al momento la legislazione in materia non è esaustiva; motivo per il quale il Capo dello Stato ha recentemente promulgato una nuova legge che ha disciplinato dettagliatamente la regolamentazione dell’ingresso nelle abitazioni private da parte delle forze dell’ordine.

Le situazioni in cui un agente di polizia può entrare nelle abitazione privata anche senza il consenso del legittimo proprietario e, se necessario, facendo ricorso all’uso della forza, sono riportate in un testo di legge che lo scorso 22 novembre è stato sottoposto alla firma del Presidente della Romania. La legge n. 192/2018 per la modifica e il completamento di talune norme in materia di ordine pubblico e sicurezza, verrà effettivamente applicata trascorsi 90 giorni dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Romania; quindi, considerato il fatto che il documento in questione è già stato promulgato a breve questo entrerà in vigore.

La legge in esame stabilisce che un agente di polizia avrà il diritto ad entrare, in qualsiasi modo e con qualunque mezzo, all’interno di una residenza privata di una persona o una sede sociale di una società, anche senza il consenso del proprietario e /o del rappresentante legale, per:

  • salvare la vita o salvaguardare l’integrità o l’incolumità fisica di una persona, se sussistono indizi che tale persona è in pericolo di vita;
  • prevenire la diffusione di un’epidemia, se vi sono fondate ragioni per ritenere che all’interno della casa vi è una persona deceduta;
  • arrestare l’autore di un reato in flagranza, commesso con l’uso della forza e violenza, tramite un’arma o esplosivi o sostanze narcotiche o paralizzanti, se vi il sospetto che l’autore si trova all’interno dell’abitazione;
  • catturare terroristi se si ritiene che questi si sono rifugiati all’interno dell’abitazione.

In tutti i casi di cui sopra l’uso della forza sarà possibile se sussistono fondate ragioni per anticipare la resistenza armata o altri tipi di violenza, oppure se esiste il concreto pericolo di distruzione di prove o in caso di rifiuto oppure se non è stata ricevuta alcuna risposta alla richiesta dell’ufficiale di polizia ad entrare nell’immobile.

Specifiche disposizioni sull’ingresso nelle abitazioni private da parte delle forze dell’ordine sono contenute nella nuova legge. Ad ogni modo gli agenti di polizia non potranno rimanere nelle abitazioni se non per lo stretto tempo necessario a compiere gli atti previsti dalla legge e non potranno effettuare arbitrariamente perquisizioni. Rispetto all’attuale regolamentazione riportata nella legge n. 218/2002 in materia di organizzazione e funzionamento della polizia romena, le nuove disposizioni completeranno ed integreranno l’attuale quadro normativo.

 

Avv. Salvatore Romano, Studio Legale Sitran