Riunione d’urgenza della coalizione dopo che Iohannis ha respinto il Codice Fiscale

La coalizione di governo si e’ riunita lunedì 20 luglio, per analizzare la decisione del presidente Klaus Iohannis che ha rifiutato, alla fine della scorsa settimana, di promulgare il progetto del nuovo Codice Fiscale iniziato dal governo e già approvato dal Parlamento. Lo ha comunicato il leader ad interim del Psd, Rovana Plumb, ripresa dalla Agerpres.

La principale obiezione formulata dall’Amministrazione Presidenziale al nuovo codice, riguarda la riduzione dell’Iva dal 24 al 19% proposta dal governo che porterebbe causare una crescita doppia del deficit di stato nel 2016, dall’1.2% al 2.5 %, il che non è in linea con gli obiettivi negoziati con gli organismi finanziari internazionali.

“E’ molto possibile che nella seconda parte del mese di agosto, il Parlamento si riunirà in una sessione straordinaria per rianalizzare il Codice Fiscale inviato al Parlamento da Iohannis”, ha detto Rovana Plumb.

Il Premier, Victor Ponta, ha dichiarato che anche se il presidente ha rifiutato il codice, il governo comincerà comunque a promuovere misure contenute nel documento, sia attraverso ordinanze di urgenza, sia chiedendo la fiducia al governo.

Il consigliere personale del premier, Dante Stein, ha dichiarato in esclusiva per romania24ore.ro, che il rifiuto da parte del presidente Iohannis di promulgare il codice fiscale non si giustifica: “E’ come se qualcuno avesse una Dacia del 1975, riceve in regalo una Mercedes di ultima generazione, ma la rifiuta perché non gradisce il colore della macchina”.

Nei prossimi giorni pubblicheremo l’intera intervista con il Sg Dante Stein.