Turismo, niente imposte e contributi per allievi e studenti

In base ad una proposta legislativa recentemente presentata al Senato edclopotel attualmente in fase di discussione gli allievi e gli studenti fino a 26 anni i quali vengono impiegati nel settore del turismo potrebbero essere esonerati dal pagamento delle imposte sul reddito e dal versamento dei contributi pensionistici; esenzione che allo stato attuale non è prevista dalla legislazione vigente.

Il progetto di legge per l’integrazione ed il completamento della legge n. 227/2015 concernente il Codice Fiscale è stato presentato, ai fini della discussione al Senato, lo scorso 14 giugno; per entrare in vigore dovrà essere adottato da entrambe le Camere del Parlamento, promulgato con decreto presidenziale dal Capo dello Stato e, infine,  pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Romania.

In particolare, il documento prevede che l’esenzione si applicherà “Agli alunni e agli studenti di età fino a 26 anni che frequentano un corso di istruzione / formazione e svolgono, con un regolare contratto di lavoro, specifiche attività professionali nel settore turistico (…) “.

Il disegno di legge in questione spiega che “le specifiche attività professionali nel settore turistico sono quelle elencate nella lista delle qualifiche e delle funzioni delle attività turistiche in Romania“, incluse nell’ordinanza del Governo n. 58/1998 concernente l’organizzazione e lo sviluppo dell’attività turistica in Romania.

Lo scopo dei promotori della proposta legislativa è duplice: da una parte far fronte ad una carenza di manodopera nel settore del turismo e, dall’altra, combattere e ridurre l’abbandono scolastico. In pratica, con l’introduzione delle disposizioni del disegno di legge in esame, gli agenti economici che operano nel settore turistico potrebbero usufruire di una riduzione del carico fiscale mentre, per converso, gli allievi e gli studenti sarebbero incoraggiati a frequentare le scuole e gli istituti di formazione al fine di poter beneficiare delle sopraindicate previsioni fiscali (le quali in buona sostanza per questi ultimi si traducono in una maggiore attrattività degli stipendi).

Avv Salvatore Romano, Studio Legale Sitran